Come aprire un birrificio artigianale: business plan

Come aprire un birrificio artigianale: business plan

Per aprire un birrificio artigianale occorre effettuare un business plan molto preciso e ponderato. Tra questi anche burocrazia e l’ausilio di un esperto

Come aprire un birrificio artigianale
Fonte: Pixabay

Aprire un birrificio artigianale è un modo per spianare la strada di un business redditizio. Specie se associato ad una produzione di birra artigianale. Infatti dev’essere servita sempre sul momento, in modo da riuscire a soddisfare anche il cliente più esigente alla ricerca della bionda. Spesso richiede voglia di imparare e per il bisogno di documentarsi bene per fare business con un birrificio artigianale. Andiamo a scoprire come cominciare.

Come aprire un birrificio artigianale: i locali

Innanzitutto bisognerà adocchiare il locale dove poter cominciare, e la zona. Sicuramente un gran peso effettuerà anche la movida. Dopodiché bisogna considerare lo spazio necessario per aprire il birrificio, con impianto cottura della birra e l’acquisto di materiali che renderà la birra più gustosa sul momento. Naturalmente va considerato ogni macchinario e cura dell’arredamento. Portando così al voler chiedere un prestito o micro prestito bancario.

Nel caso potete anche affidarvi ad agenzie in franchising, per facilitarvi anche le pratiche burocratiche.

Come aprire un birrificio artigianale: la burocrazia

Seconda parte, nonché più importante, le pratiche burocratiche. Molteplici sono le autorizzazioni e licenze che occorrono per lanciarsi nella produzione di birra. Oltre alla certificazione Sab (somministrazione alimenti e bevande) e di quella Haccp. Oltre alla scia, da comunicare al Comune, bisogna ottenere il nulla osta dalle asl e richiedere la licenza all’agenzia delle dogane.

Dopodiché bisognerà sistemarsi dal punto di vista fiscale. Attraverso l’aiuto di un commercialista, bisognerà aprire una partita Iva e iscriversi al registro delle imprese all’Inail e all’Inps. In caso vogliate assumere anche dei dipendenti, bisognerà regolarizzarli. A questo punto arriva la parte più divertente: l’allestimento.

Come aprire un birrificio artigianale: l’allestimento

Per questo lavoro occorrerà servirsi di un esperto in allestimento. Un designer d’interni vi aiuterà a mantenere un locale ben arredato riuscendo a farlo diventare rustico/famigliare o innovativo. Inoltre occorrerà acquistare diversi macchinari. Come il frigo, un muletto e per la linea d’imbottigliamento e infustamento. L’impianto di produzione costerà circa 100 mila euro per un totale di 150/180 mila euro. Tuttavia c’è chi è riuscito ad arrivare anche a 100 mila totali.

Una volta arredato sarà possibile aprire la vostra attività.

Come aprire un birrificio artigianale: rimanere a galla

Dunque per cercare di mandare avanti gli affari dovrete cercare di fidelizzare i clienti: sponsorizzate eventi cittadini, partecipate ad eventi oppure ancora cercate di farvi sentire con cartelloni pubblicitari e volantini.

Cercate di essere sempre attivi con la vostra impresa sui social, andando sempre incontro alle svolte social.
In questo modo con la vostra attività commerciale cercherete di ottenere un grosso bacino d’utenza sempre più diffuso non solo tra i giovani.

Posposta: Questo articolo è puramente a scopo informativo. Per notizie più approfondite e accurate rivolgetevi a esperti o al vostro comune di residenza.

22Shares