Counselor, cos’è e cosa fa: tutto quello che bisogna sapere

Counselor, cos’è e cosa fa: tutto quello che bisogna sapere

Sapere cos’è il counselor e cosa fa è importante. Poiché è una figura che si sta diffondendo a macchia d’olio anche in Italia e che può dare lavoro

Counselor
Fonte: Pixabay

Il counselor è una figura professionale che sta avendo enormemente successo negli ultimi anni. La sua nascita è avvenuta di più nell’Occidente più estremo. Ma sta diventando sempre più diffuso anche in Italia, stimolando giovani a cercare un modo per sbarcare il lunario. Scopriamo tutti i suoi dettagli e in cosa consiste.

Il Counselour: in cosa consiste il lavoro?


Il lavoro del counselor riguarda la crescita di ogni persona. Infatti, il suo ruolo, è quello di cercare di aiutare chi si trova in un grande stato di difficoltà, insegnandoli a trovare nuovi spunti per stimoli e ricerca di sé stessi.
Il suo compito è quello di guidare chi sta attraversando un periodo di incertezze e difficoltà, guidando il paziente in un particolare percorso di presa di coscienza verso se stessi. Quello che può sembrare una sorta di lavoro di psicologia, legato quindi all’ambiente di salute mentale, è lontano anni luce. Perché, in soldoni, si tratta di un esperto di comunicazione e ascolto che cerca di supportare l’utente in difficoltà tramite un percorso di autoconsapevolezza e crescita di autostima.

In cosa si differenzia con gli psicologi?


In realtà le due realtà sono molto simili nella forma, ma non nel suo sviluppo. Spesso psicologi e psicoterapisti, vanno a curare in diverse sedute alcuni grossi traumi, dovuti al passato e vanno anche a psicoanalizzare il problema partendo dal passato. Il counselor è invece più tendente al presente, come un motivatore, tende a spronare il proprio paziente.
In più, gli psicologi sono veri e propri medici, in grado anche di assegnare anche farmaci in caso di problematiche più gravi. Tuttavia, molte nozioni per diventare counselor, sono spesso simili.

Come diventare counselor

È inevitabile che, chi vuole diventare un counselor, debba avere doti d’empatia abbastanza pronunciate, cercare di avere di base una conoscenza nel campo delle scienze psicosociali, sociologia, pedagogia e seguire un corso di laurea per diventare assistente sociale.
Però è da sapere non essendoci ancora una normativa che regoli tale figura ad oggi è possibile diventare counselor anche tramite associazioni come Assocunseling e Federcounseling. Difatti sono anche messi molto a disposizione dei corsi di counseling presso scuole dedicate purché sia riconosciuta in Italia.

Lo stipendio di un counselor

Ricordiamoci che questo è un lavoro appena nato e che è in fase di sviluppo. Ergo, lo stipendio sarà al pari di un libero professionista. In molti spiegano come in realtà sia una professione molto richiesta soprattutto nelle metropoli e che, con sedute giornaliere, lo stipendio può arrivare anche a 3mila euro al mese.
Ovviamente, può dipendere da molteplici fattori quali anche la propria reputazione professionale e formazione. La formazione, infatti, dev’essere la prima particolarità da tenere aggiornata, poiché servirà anche un modo per farsi conoscere dalla clientela e mostrare le proprie competenze.

Quindi: come fare carriera come counselor?

Sicuramente se avete già una base con studi sociali è un grande vantaggio. Dopodiché, informatevi circa i corsi base e i corsi di formazioni. In totale, solo per diventarlo, dovreste impiegarci circa un anno se non di più.
A questo punto il gioco sta a voi: proponetevi anche nelle sedi lavorative come aziende o società, cercate di informarvi circa i licei. Un annetto di esperienza in un’azienda vi darà modo di crearvi una reputazione più approfondita e, col tempo, sarà uno slancio per aprire una propria partita iva e quindi aprire un vostro studio. Richiederà tempo e pazienza, ma ne varrà la pena.

Cliccate qui: Canale Telegram di Business Economia Disponibile ad ulteriori informazioni con picciarielloantonio@gmail.com oppure @Apiccia

0Shares