Geet Pantone: il motore che funge da reattore

Geet Pantone: il motore che funge da reattore

Il Geet Pantone è un’invenzione francese che può andare a sostituire i combustibili più comuni con dell’acqua portando anche ad un risparmio di energia

Geet Pantone
Fonte: Pixabay

Sostituendo la benzina con altri liquidi. È così che funziona il Geet Pantone, il modello di motore che prende il nome dal suo inventore, Paul Pantone e che funziona come una sorta di normalissimo reattore. Il motore può diventare alla portata di tutti, andando a sostituire così i motori delle comuni auto e sostituendo ogni tipologia di combustibile, naturale, sintetico o con idrocarburi, anche con semplice acqua.

Geet Pantone: cos’è e il suo inventore

L’inventore del motore Global Environmental Energy Technology (Geet) è Paul Pantone, residente negli States. L’invenzione è stata registrata nel 1998 Impegnato nella carriera scientifica, è stato però condannato e ricoverato in una struttura Psichiatrica statale in Provo Utah, dov’è attualmente residente. Paul Pantone ha anche scoperto circa 180 nuove invenzioni che sta cercando di replicare e condividere presso la comunità scientifica mondiale. Inoltre ha aperto il Geet International institute dove si insegna il “rigenerante terreno plasma” per i fenomeni della natura e di medicina. Infine, Paul, ha circa centinaia di invenzioni che sta provando a vendere, per essere libero di continuare le sue ricerche.

Come funziona il Geet Pantone

Andiamo con ordine. Il Geet pantone è formato da tubi concentrici che vengono collegati tra serbatoio, marmitta, motore e tubo di scarico. Tale motore, secondo quanto riportato dal suo inventore, funziona tramite un principio di scambio di calore e cariche elettrostatiche. Queste possono fungere tra fluidi, che possono riguardare anche gas di scarico e carburante, che passano all’interno di un reattore. Tecnicamente, alcune molecole del carburante, vengono prima sovraeccitate tramite dell’energia termica, quella ottenuta dai gas di scarico. Quindi vengono spezzate in composti con energia elettrostatica che, a sua volta viene prodotta per strofinio tra fluidi e tubi del reattore.

Geet Pantone: i carburanti da utilizzare

Dunque le molecole vengono ributtate nel servatoio che ne escono tramite una valvola interna che garantisce una certa pressione. Quindi la pressione spinge il combustibile attraverso il collettore di aspirazione che trasforma il liquido in una miscela di gas molto caldi. A tali vapori vengono poi aggiunti delle dosi di aria, attraverso la valvola, che vanno poi a raffreddare il carburatore. Dunque, il combustibile, lavorando in un ciclo infinito, può essere composto anche dal 75% di acqua, ma con un restante 25% di carburante ottimo per far muovere il motore.

Geet pantone
Fonte: web
Geet Pantone: funziona davvero?

Alla fine della giostra, ancora non si è potuto capire quali tipi di emissioni produca. Da un comune tubo di scarico di un auto a gasolio o benzina, i gas di scarico corrispondono a carbonio, idrogeno e sostanze inquinanti. Sicuramente, però, tale motore, andrebbe a produrre meno Nox rispetto ad un auto con il motore più comune, ma potrebbe produrre anche più parti di particolato. Con l’aggiunta che il rendimento volumetrico, visto che, in base a quanto letto, viene aspirata aria calda e poco densa. Che funzioni davvero è quasi palese, visto che su internet girano parecchi video spiegazione del funzionamento del motore. Tuttavia, sembrano esserci piccoli difetti quali ritorni di fiamma e con piccoli difetti anche per le valvole.

Cliccate qui: Canale Telegram di Business Economia Disponibile ad ulteriori informazioni con picciarielloantonio@gmail.com oppure @Apiccia

1Shares